Guardiamo in faccia la storia !!!!

polonia maggio 2008 149.T0

Oggi, è la giornata della memoria e quello che per alcuni potrebbe essere ripetitivo, per me è una immagine  fissa davanti agli occhi.

Il vedere tutti i documenti storici, filmati e soprattutto le foto scattate ad Auschwtz, fa ancora male, anche mentre aiutavo Domenico Scali nell’allestimento della mostra, e prendevo le misure dei pannelli da appendere, ero ammutolito ed incredulo a quell’orrore.

Penso invece faccia bene ricordare sempre e comunque queste pagine di storia seppur crude, e penso anche faccia bene riproporre agli altri continuamente elementi nuovi scoperti o documentati, come un eco che giunga alle orecchie di tanti, in modo che questi a loro volta prendano coscienza di quanto è accaduto in passato.

Io aiutando Domenico l’ho capito, e mi sono promesso per quanto sia conciliabile con gli impegni lavorativi, di allargare il mio orizzonte, a tal punto di recarmi con lui in un altro posto, luogo di Sterminio, e documentare fotograficamente quello che tanti disconoscono, per poi insieme all’amico Giovanni Certomà, far rientrare il tutto in un progetto itinerante. Speriamo che questo si possa realizzare, e soprattutto si possa divulgare quella Storia passata ma ancora dietro la porta, e che questa Storia odierna invece un domani possa essere lasciata ai nostri figli e futuri nipoti, come una storia senza quegli errori, bella da ricordare e sicuri che noi ci abbiamo messo del nostro in quanto……..

LA STORIA SIAMO NOI

di Pino Curtale

Foto di un viaggio nella memoria

14777_10200251935051616_1279116572_n

Io penso che non ci sia cosa più bella se non quella di vedere realizzato un progetto su cui hai lavorato tanto tra giorni intensi  e notti insonni. Ma la soddisfazione più grande è quella di vedere le emozioni e le reazioni delle persone che come te hanno creduto in quel lavoro, e ti ammirano come se fossi un personaggio pubblico. Questo è quello che è accaduto a Domenico Scali, amico di una vita,  colmo di sensibilità verso i problemi della società, attento osservatore storico e continuo ricercatore di nuove esperienze. Tra tutte le cose che ci accomunano, una su tutte ci fa confrontare continuamente per ore senza che alcuna stanchezza prenda il sopravvento: LA FOTOGRAFIA.

Questo a mio avviso è il modo più diretto per vivere delle emozioni trascinando anche gli altri, ci si esprime con le immagini, che ti prospettano una scena passata o in alcuni casi forse presente in qualche angolo di mondo, ti fanno riflettere su quello che è accaduto, e che purtroppo esaminando alcune situazioni vi è il rischio concreto che possa accadere nuovamente. Io sono uno di quelli che ha creduto nell’opera fantastica realizzata da Domenico, sin dalla prima presentazione a Roccella, nostra locazione primaria, come ho creduto nelle sue potenzialità, ma non credevo che fuori dal nostro habitat questo suo lavoro potesse accreditare tanto successo e soprattutto tanta sensibilità. Io ho veramente fatto i classici salti mortali per poter assistere ed accompagnare Domenico, in questo suo viaggio ed appoggiarlo con le mie modeste competenze tecniche, in quanto per vari motivi, personali e soprattutto lavorativi non avrei potuto spostarmi, ma ho sentito il dovere morale oltre che materiale di non lasciarlo solo, sapendo anche quanto ne avesse bisogno in un momento particolare della sua vita, e ho deciso di partire prenotando il volo solo qualche ora prima.

Avvalendoci quindi di una organizzazione logistica impeccabile curata da Giovanni Certomà, abbiamo presentato l’opera ai cittadini di Corsico (MI), ricevendo una sensibile attenzione fuori da ogni nostra aspettativa. Ma la cosa che mi ha più colpito , è stato il religioso silenzio e la compostezza nell’ascoltare, dei ragazzi delle scuole, quasi pendessero dalle labbra di Domenico mentre illustrava e raccontava le foto proiettate. Era un racconto appunto, della sua esperienza forte, provata mentre scattava incredulo di tanta barbarie perpetrata dalle SS nei confronti di quelle persone inermi rinchiuse ad Auschwitz. Era come sfogliare un libro di storia per loro, ma in quel libro, quello che stavano vedendo ed ascoltando non era del tutto riportato. Gli occhi sono lo specchio dell’animo e della verità, anche quella più cruda, e negli occhi di Domenico, anche durante la narrazione, vi era ancora a distanza di più di un anno ormai, tutto l’orrore, e l’emozione di quanto visto tanto da far nascere una pubblicazione scritta, una raccolta di pensieri o riflessioni personali di tanta gente tra cui appunto anche studenti di quelle scuole.

Certo è, che in quel di Milano “il binario 21” è ancora lì a dimostrare che quanto raccontato non è una favola purtroppo, ma una lunga pagina piena di umiliazioni e calpestio di dignità umana oltre che di sangue, ma è una attenzione diversa per altri lati rispetto a quella notata, nella zona in cui vivo. Purtroppo qui a mio avviso, fatta salva qualche rara eccezione, manca per alcuni aspetti anche la volontà di trasmettere agli altri, approfittando di chi la capacità di riportare quanto provato o vissuto ce l’ha. Ci si cela dietro motivazioni che somigliano a delle scuse, come se in altri posti ci siano altre realtà ,eppure per quello che ho constatato personalmente, l’unica divisione di questa bella Italia, non è geografica ma culturale.

Io penso che certe potenzialità vadano supportate e valorizzate, anche facendo piccoli sforzi e sacrifici, Domenico ha fatto tutto da solo chiedendo pareri e consigli a persone normali come me, come Giovanni, ed è stato spronato da noi, a continuare in questo suo percorso per poter offrire ad altri attraverso la sua passione fotografica, anche le sue emozioni, pur tenendo conto che ,come riportato dalla citazione che dà titolo al mio blog,  ” Nella fotografia esistono, come in tutte le cose, delle persone che sanno vedere ed altre che non sanno neanche guardare”.

Auguri Mimmo, ma soprattutto  GRAZIE

405981_10200251894490602_605784176_n

207629_10200251894090592_298619137_n555278_10200251946131893_935249687_n

di Pino Curtale

I sorrisi della Befana

418039_466599010043358_1356432973_nLa befana vien di notte, con le scarpe tutte rotte……

Così recitava una filastrocca ancora di attualità tra i banchi di scuola. Ma chi l’ha detto che questa vecchia signora dall’aspetto così trasandato, talmente brutta da non guardarla, arriva solo col buio ? I bambini, ancora oggi, seppur soggiogati da varie pubblicità multimediali, vogliono crederci e la guardano con attenta curiosità, anche perchè è stata tramandata nelle generazioni, come una portatrice di doni a completamento dell’opera svolta da Babbo Natale, con la differenza che quest’ultima sa distinguere i bimbi buoni da quelli un pò monelli a cui invece porta cenere e carbone come punizione e monito di comportamento.

Ed agli adulti non ci pensa ? Ebbene si ,tra tutti i doni contenuti nel suo sacco, vi è uno di grande valore, il più bello tra tutti……il sorriso e la gioia che dona con garbo nobile ai ragazzi che vivono la loro vita in un modo diverso dalla nostra, per via di disagi fisici o psichici.

Infatti è da qualche anno che grazie ai volontari dell’U.N.I.T.A.L.S.I., questa domatrice di scope volanti ,scende acrobaticamente dal cielo, distribuendo oltre ai classici pacchetti, l’allegria e la felicità che per sua magia va ad imprimersi sui volti di queste persone che non hanno avuto  per motivi diversi, la stessa fortuna degli altri .

Visto il tutto dall’esterno è sicuramente una bella cosa, la gioia è contagiosa per chi è spettatore, ma per chi come me, ha avuto l’opportunità di guardare attraverso l’obiettivo della fotocamera, quella espressione sul volto di ognuno di loro, non ha prezzo.

A questi volontari, va detto GRAZIE  per come prestano la loro opera, e per  quanto sentimento personale dedicano a questi eventi, ce ne fossero magari tanti durante l’anno, in quanto penso non vi sia cosa più bella come quella di vivere un momento sebbene piccolo e di breve durata, ma intenso e gioioso e trasmettere il proprio entusiasmo a queste persone che nonostante tutto meritano di essere “diversamente allegre”.

734752_466598116710114_737009624_n

di Pino Curtale