Come sarebbe bello….

download

Prima di addormentarmi, con gli occhi già chiusi, spesso mi ritrovo a fare il bilancio della giornata appena trascorsa, e nel ringraziare il Buon Dio, per avermela comunque offerta, penso al semplice fatto che ai giorni nostri, solo una macchina del tempo, potrebbe portare un pò di luce gioiosa nei nostri occhi e nelle nostre vite.

Non per proiettarci nel futuro, ma paradossalmente per scaraventarci negli anni ormai trascorsi da tempo, però ben impressi nella pellicola della nostra mente. Io di anni ne ho a sufficienza per rimpiangere quella semplicità di vita quotidiana che allora sembrava assurda e senza alcuna possibilità di sviluppo, ma non avevamo la palla di vetro di un mago per vedere come sarebbe cambiata dopo. Penso che a quel punto nessuno si sarebbe sognato di sforzarsi ad inventare tanta tecnologia, che non sempre indovina se quell’unico binario è già occupato da un treno che viaggia al contrario, che non ci permette di indovinare se domani vi sarà la pioggia o il sole per programmare la giornata o almeno preparaci e cercare di evitare eventuali e possibili disastri, che non riesce a distinguere tra una semplice raffreddore ed una seria malattia, o che addirittura non ci permette di parlare in modo corretto la nostra amata lingua: L’ITALIANO e sostituisce americanizzando le nostre belle parole.

Questo è quanto siamo riusciti a fare nel corso degli anni. Abbiamo perso tempo ???? no assolutamente, saremmo  rimasti all’età della pietra, la abbiamo solo USATA MALE anzi malissimo, senza alcun limite di cognizione o ponderazione sull’uso futuro. Ed allora penso…..come sarebbe bello premere quel tasto che oggi si chiama REWIND e che una volta era indicato con RIAVVOLGIMENTO VELOCE. Avremmo sicuramente forse, il caro Capo stazione che puntuale come un orologio, usciva dalla stanzetta indossando il suo cappello rosso fiammante e alzando la paletta per dare il “CONSENSO”, avremmo ancora nelle nostre orecchie la voce carismatica dei pescatori, che guardando il mare, o la provenienza delle nuvole riuscivano a profetizzare la tempesta, e riuscire a stabilire se andare al largo o meglio rimandare, avremmo anche il nostro caro medico che ci tranquillizzava dicendo che non c’era da preoccuparsi e che bastavano i classici rimedi della nonna per alzarsi dal letto dopo soli 2-3 giorni anzichè imbottirci di farmaci inutili, ma soprattutto sapremmo parlare correttamente, o scrivere delle belle lettere senza tanti errori grammaticali o di ortografia. Si stava meglio quando si stava peggio ????? No si viveva con la pura e sacrosanta semplicità , con poche cose e sicuramente più felici di adesso, in quanto vi erano i buoni rapporti umani di socializzazione che mettevano in risalto i valori veri della vita.

Come sarebbe bello……e allora ?…Immagina..puoi !!!! ma solo immaginare.

images

Annunci
di Pino Curtale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...